La Biennale d’Arte Contemporanea del Gattopardo

Scritto il 22/11/2021

L’ Amministrazione di Palma di Montechiaro guidata dal Sindaco Stefano Castellino, ha deciso di intraprendere un progetto culturale, artistico-letterario, già in cantiere da mesi: la Biennale d’Arte Contemporanea del Gattopardo.
L’idea, proposta dal Gruppo di Lavoro “Io sono P.A.L.M.A.” — composto da Angela Rinollo, Giuseppe Todaro e Marilena Vaccaro —, è stata affidata nella sua realizzazione, materiale e visiva, al brillante curatore salernitano Michele Citro, organizzatore di diverse importanti rassegne artistiche che hanno ottenuto grande successo di pubblico e di critica. In particolare si ricorda “Idilli Cromatici, ‘’Omaggio a Leopardi a 200 anni dall’Infinito” (Città della Pieve, 2020) e “Tra Inferno e Paradiso XX/21” (Anagni, 2021).
Per questa prima edizione della Biennale, che sarà l’edizione 0, il tema suggerito da Michele Citro e condiviso dal Gruppo ‘’Io sono P.AL.M.A.‘’ , nonché da tutti i promotori del progetto, è: “HOMODEUS. Il dilemma dell’uomodio”.

Gli artisti selezionati ed invitati a partecipare, tra italiani e stranieri, saranno oltre una cinquantina. Compito di questi ultimi sarà quello di rendere, dal 23 Aprile all’8 Maggio 2022, il Palazzo Ducale del Gattopardo e l’intero territorio di Palma di Montechiaro, un polo d’attrazione, ricercato e di qualità, per tutti gli appassionati e gli estimatori dell’arte contemporanea. Ad arricchire il tutto conferenze a tema, premiazioni e manifestazioni volte a coinvolgere l’intera comunità palmese, e non solo.
E’ prevista, inoltre, in alcune aree della Città l’installazione permanente di alcune opere rappresentative dei tre noti artisti di arte contemporanea, Myriam Cappelletti, Vittorio Vertone e Alunni Tullini.
Un evento che mira ad avviare per l’intero hinterland nuovi ed originali percorsi di sviluppo e di crescita: Palma di Montechiaro si mette ancora una volta in gioco rendendosi protagonista nel settore culturale, proiettandosi in un contesto internazionale.