Torna alla lista

Riesi

Riesi Riesi CL

Il Territorio di Riesi si sviluppa tra le contrade di Costa di Mandorle, Porco Spino, Birrigiolo, Pantano e Sanguisuga e le colline di Monte Stornello, dove alcuni uomini si erano insediati nella zona e nel territorio che, con l’alternarsi dei secoli, prenderà nomi diversi da Reiz a Rahalmet, da Ries a Riesum, ad Altarriva ed ancora, in modo definitivo Riesi.

Come dimostrato da molti reperti ritrovati dal 1820 al 1971, sono state rinvenute molte necropoli risalenti l’età del rame.

Durante l’età greca, sotto l’influenza di Gela, vennero costruite delle fattorie nelle contrade Spampinato, Canale e Montagna Veronica. Durante l’età romana, una delle fattorie sopra indicata divenne un “praedium” dell’itinerario Catania-Agrigentum ed agli agglomerati venne dato il nome di “Resa” o “Riesa” (Terre abbandonate). Durante l’età araba le varie fattorie formarono un casale di nome “Rahal-Met” (Casale abbandonato).

Nell’età normanna (1076-1266) il nome del casale “Rahal-Met” scompare davanti a quello che indica la terra ed il feudo in genere: RIESES, terre abbandonate, incluse nel territorio di ANAOR (Piazza), aggregate alla Chiesa di BUTERA. Durante l’età degli Angioini e del vespro Siciliano (1282) il nome dei feudi di RIESES cambia in RIEZ (vecchio francese), quindi in RIEZI, RIESIUM. Dopo aver seguito il villaggio durante l’epoca arcaica, sicula-sicana, greco-romana ed araba, le notizie sulla sua esistenza si perdono alla fine del 1200.